venerdì, 30 marzo 2012 ore 11:35 (UTC+1)

Utopia senza rivoluzione: la Russia di Tom Stoppard

di Sabrina Faller

In sintesi

  • Geronimo spettacoli
  • venerdì 30 marzo 2012
  • ore 11:35 (replica alle ore 00:00)

Leggi

Tom Stoppard
(foto Keystone)

Un grandioso progetto unisce Teatro Stabile di Torino, Teatro Stabile di Roma e Michela Cescon, attrice di cinema e teatro, qui attiva nella nuova veste di produttrice. Si tratta della trilogia russa dell’autore inglese d’adozione ma cecoslovacco d’origine Tom Stoppard, che ha mietuto successi nel mondo e un numero mai raggiunto prima di Oscar Teatrali newyorchesi: “La sponda dell’utopia”, tre commedie intimamente legate ma ciascuna autonoma e recentemente pubblicate in italiano in un solo volume da Sellerio. Si intitolano ”Viaggio”, “Naufragio” e “Salvataggio” e raccontano il dibattito culturale e filosofico nella Russia compresa tra gli anni Trenta e Sessanta dell’Ottocento con al centro le vicende della rivoluzione del 1848 in Europa e il percorso filosofico dell’idealismo tedesco da Kant, Fichte e Schelling a Hegel, per poi traghettare le speranze rivoluzionarie fino a Marx, fugace ma vincente apparizione. I protagonisti sono Mikhail Bakunin, padre dell’anarchia, Alexander Herzen, padre del socialismo russo, il romanziere Ivan Turgenev e molti altri, per un totale di oltre trenta interpreti. Uno sforzo produttivo importante per il mondo della cultura italiana in un momento di crisi, la voglia di dire che il teatro – il teatro di parola capace di grandi narrazioni - esiste ancora. Ne parlano giovani attori come Irene Petris e Luca Lazzareschi, che sono tra i protagonisti entusiasti e impegnati dello spettacolo.

-> Sinossi dei tre capitoli dell'opera di Tom Stoppard
-> Appunti sul testo di Marco Tullio Giordana e Michela Cescon

Ascolta

Proprietà audio
Utopia senza rivoluzione: la Russia di Tom Stoppard

30.03.2012

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo