domenica, 25 marzo 2012 ore 10:35 (UTC+1)

Il nuovo centro di calcolo a Cornaredo

Potenza di calcolo e di risparmio energetico

Leggi


(foto iStock)

Supercomputer in grado di effettuare 400 miliardi di milioni di operazioni al secondo, e che funzionano come laboratori virtuali dove effettuare simulazioni di esperimenti e di processi fisici - come quelli climatici, biologici, astrofisici, ecc... - altrimenti troppo lunghi e costosi, se non addirittura impossibili in un laboratorio tradizionale (come la simulazione della nascita di una galassia). E che sono ormai uno strumento indispensabile in molti campi della ricerca scientifica, dalla ricerca sui nuovi medicinali, all'ingegneria, dalla meteorologia alla fisica. Sembrerebbe fantascienza eppure è una realtà ormai consolidata anche nella Svizzera italiana grazie al Centro svizzero di calcolo scientifico che, a 20 anni dal suo insediamento in Ticino, sta per inaugurare la sua nuova sede a Cornaredo.
Un'infrastruttura sofisticata, concepita secondo criteri di flessibilità e sostenibilità ecologica che lo rende uno dei centri di calcolo energeticamente più efficiente ed ecologicamente più sostenibile al mondo. Nel Giardino di domenica andremo a scoprire il nuovo centro insieme ad uno dei suoi direttori associati, Michele De Lorenzi, e a Maria Grazia Giuffreda, responsabile del supporto utenti. Due guide esperte che ci spiegheranno anche il ruolo e l'importanza del CSCS per la ricerca scientifica svizzera e in particolare della Svizzera italiana, che grazie anche a questo centro diventa sempre più competitiva, non solo a livello nazionale ma anche internazionale.

Ascolta

Proprietà audio
Il nuovo centro di calcolo (CSCS) a Cornaredo

Il giardino di Albert, 25.03.2012 - di Clara Caverzasio Tanzi

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo